Seleziona una pagina

Le norme anti-Covid della Regione Emilia Romagna per case di riposo e comunità alloggio

Dic 24, 2020News

Prima di far visita a un familiare all’interno di una struttura per anziani è fondamentale conoscere le misure anti Covid-19 adottate dalla propria regione

Prima di far visita a un familiare all’interno di una struttura per anziani è fondamentale conoscere le misure anti Covid-19 adottate dalla propria regione, così da ridurre al minimo il rischio di contagio. Lo stesso vale in caso di nuovi ingressi nella struttura scelta, casa di riposo, RSA o comunità alloggio che sia. Analizziamo allora le principali norme di sicurezza anti-Covid della Regione Emilia Romagna, quella in cui operiamo, e vediamo come la nostra comunità alloggio le ha messe in pratica.

Le norme sull’ingresso dei nuovi ospiti

Come si gestiscono gli ingressi di nuovi ospiti nelle strutture per anziani in tempo di pandemia? La Regione Emilia Romagna fa riferimento al Rapporto ISS COVID-19 n.4/2020 Rev. del 17 aprile 2020, il documento che illustra le indicazioni per la prevenzione e il controllo del Covid nelle strutture residenziali sociosanitarie. Al suo interno troviamo la risposta al nostro quesito:

“[…] Tenere presente che l’accesso di nuovi residenti in struttura residenziale sociosanitaria è subordinato al fatto che le strutture prevedano l’allestimento di un modulo di accoglienza temporanea dedicato ai nuovi ospiti, o l’adozione di misure idonee a garantire adeguato distanziamento sociale fra gli ospiti, allo scopo di garantire un’ulteriore barriera contro la diffusione del virus da soggetti in una possibile fase di incubazione.” Rapporto ISS COVID-19 n.4/2020, p.11

Prima di accogliere il nuovo ospite in struttura è necessario, inoltre, accertarsi che non ci siano condizioni rischiose (casi sospetti/probabili/confermati).

Sulla base di questa normativa, ogni ospite che accede per la prima volta a Villa Rosa Ricci deve aver fatto un test molecolare – il noto tampone – al massimo 48 ore prima dell’arrivo in struttura. Naturalmente l’esito deve essere negativo, e se così è l’ospite viene accolto in un’area dedicata della Villa situata al piano terra, dove trascorre un periodo di isolamento di 14 giorni. Al termine dell’isolamento viene ripetuto il tampone e se anche quest’ultimo risulta negativo il nuovo ospite può finalmente entrare negli spazi comuni della Villa e conoscere i suoi abitanti.

E se l’ospite per qualsiasi motivo avesse necessità di andare in ospedale mentre si trova in struttura? Se vi rimane per un massimo di 12 ore non è necessario che ripeta il periodo di isolamento; in caso contrario dovrà rispettare un nuovo isolamento di 14 giorni.

Come gestire le visite dei familiari agli ospiti

Per quanto riguarda l’organizzazione delle visite dei parenti agli ospiti delle strutture, anche su questo punto la Regione Emilia Romagna si attiene a quanto descritto nel Rapporto ISS COVID-19, che raccomanda quanto segue:

“Per tutta la durata dell’emergenza, disporre il divieto di accedere alla struttura da parte di familiari e conoscenti (come indicato nel DPCM del 9 marzo 2020 art.2, comma q); la visita può essere autorizzata in casi eccezionali (ad esempio situazioni di fine vita) soltanto dalla Direzione della struttura, previa appropriata valutazione dei rischi-benefici.” Rapporto ISS COVID-19 n.4/2020, p.11

Data l’impossibilità di entrare all’interno della nostra comunità alloggio, i parenti dei nostri ospiti hanno due possibilità: da un lato prenotare una videochiamata per salutare i propri cari in maniera virtuale, dall’altro vederli di persona nella zona esterna alla Villa che abbiamo destinato alle visite tramite interfono, sempre su prenotazione. In quest’area parenti e ospiti rimangono tutto il tempo separati da una vetrata così da evitare qualsiasi contatto fisico, ma possono vedersi e parlarsi liberamente attraverso il microfono dell’interfono. Per rendere più confortevole questo tipo di visita abbiamo chiuso lo spazio esterno destinati ai visitatori con alcune tende a tenuta, e lo abbiamo riscaldato con una stufa.

L’impegno di Villa Rosa Ricci contro il Covid

Oltre a rispettare queste misure, a Villa Rosa Ricci mettiamo in atto altri semplici gesti quotidiani che hanno però un’importanza fondamentale per tutelare la salute di ospiti e operatori. Ad esempio controlliamo la temperatura degli ospiti due volte al giorno, e la misuriamo anche agli operatori e a tutti i fornitori prima di ogni loro ingresso in struttura.
Abbiamo inoltre intensificato le procedure di igienizzazione e sanificazione della Villa, che vengono effettuate più volte al giorno. Un’altra importante attività che abbiamo intrapreso è stata quella di sensibilizzare i nostri ospiti nei confronti delle regole di base anti-Covid, quali il distanziamento sociale, l’uso della mascherina e il lavaggio frequente delle mani.

Le norme di sicurezza anti-Covid della Regione Emilia Romagna che abbiamo trattato finora, prendendo a riferimento la documentazione dell’Istituto Superiore di Sanità, sono basilari per arginare qualsiasi rischio di contagio all’interno delle case di riposo e delle strutture per anziani in generale. Per maggiori informazioni sulla gestione delle misure anti-Covid a Villa Rosa Ricci non esitate a contattarci.

Villa Rosa Ricci

Copyright Wellness D’Argento S.r.l.s.
Via S.Barbara, 34 - 48034, Fusignano (RA)  |  info@villarosaricci.it
Richiedi Informazioni: 331 7614026  | Ufficio Struttura: 0545 954083
C.F. e P.IVA Iscr. Reg.Impr.RA: 02633580390
Privacy Policy & Cookie Policy
Lavora con noi

Seguici sui social

Villa Rosa Ricci

Copyright Wellness D’Argento S.r.l.s.
Via S.Barbara, 34 - 48034, Fusignano (RA)
Richiedi Informazioni: 331 7614026  | Ufficio Struttura: 0545 954083
info@villarosaricci.it
C.F. e P.IVA Iscr. Reg.Impr.RA: 02633580390
Privacy Policy & Cookie Policy
Lavora con noi

Seguici sui social